Le novità introdotte nel 2017 grazie alla Riforma del Terzo settore consentono per il 2018 di snellire le procedure relative al Cinque per mille: gli enti che si sono accreditati negli anni scorsi, sono già inseriti negli elenchi permanenti on line dal 29 marzo 2018 sul sito dell’Agenzia delle Entrate.

Per le associazioni che sono già in questi elenchi, quindi, non è necessario rifare l’accreditamento. Resta l’obbligo di presentare una nuova dichiarazione sostitutiva entro il 2 luglio 2018 solo nel caso in cui il rappresentante legale sia cambiato rispetto a quello che aveva firmato la dichiarazione sostitutiva precedentemente inviata (per il 2016 e/o per il 2017).

Le associazioni devono quindi controllare di essere inserite correttamente negli elenchi permanenti e, in caso di errori, comunicare alla Direzione Regionale delle Entrate competente entro il 21 maggio. Gli elenchi aggiornati saranno pubblicati entro il 25 maggio.

Se l’associazione non fosse mai stata accreditata, o non fosse presente negli elenchi permanenti, deve presentare richiesta di accreditamento secondo le modalità previste dal  Dpcm 7 luglio 2016, ovvero compilando il modulo apposito, pubblicato sul sito dell’Agenzia delle Entrate, tramite CAF o commercialista entro il 7 maggio e la dichiarazione sostitutiva da inviare via pec o raccomandata entro il 2 luglio.

Non cambia la lista di soggetti che ha titolo di accedere al Cinque per mille:
-ONLUS iscritte alla Direzione Regionale delle Entrate;
-Organizzazioni di volontariato iscritte al Registro regionale del Volontariato;
-ONG iscritte nel nuovo settore 11-bis di “cooperazione allo sviluppo e solidarietà internazionale”;
-Cooperative sociali L.381/1991;
-Associazioni di Promozione Sociale iscritte nei Registri regionale e nazionale;
-Associazioni e Fondazioni riconosciute che operano nei settori di cui al D.Lgs 460/97.

È possibile per le associazioni che non siano già accreditate, farlo tramite il CSV di Verona solo presentando all’Ufficio Amministrazione entro il 27 aprilepersonalmente il documento di accreditamento.

Per gli enti che non riusciranno ad adempiere nei tempi previsti alle procedure, è prevista una proroga: vi è la possibilità di regolarizzare la procedura entro il 1° ottobre, versando con il modello F24 un importo di 250 Euro.

Il Centro di Servizio per il Volontariato (CSV) di Verona organizza un incontro formativo per illustrare gli adempimenti del Cinque per mille, anche per chi ha già ricevuto il contributo e ha l’obbligo della rendicontazione dello stesso entro 12 mesi. Si terrà nella sede di via Cantarane n.24 a Verona, il 12 aprile alle ore 18.00.

Scadenze Cinque per mille

Per associazioni che erano accreditate negli elenchi 2017 e che pertanto troveranno il loro nominativo negli elenchi pubblicati dall’Agenzia delle Entrate sul sito:
– controllo dei dati inseriti nelle liste nel sito dell’Agenzia delle Entrate ed eventuale rettifiche o segnalazione di errori. Scadenza: entro il 21 maggio 2018;
– se il Presidente non è cambiato rispetto al 2017: nessun adempimento;
– se il Presidente è cambiato rispetto al 2017: inviare con r/r o pec alla Direzione Regionale delle Entrate del Veneto la Dichiarazione sostitutiva di notorietà con il nominativo del nuovo Presidente e la copia del documento di identità dello stesso. Scadenza: entro il 2 luglio 2018.

Per le associazioni che per la prima volta nel 2018 si accreditano per il contributo del Cinque per mille:
– accreditamento tramite CAF o commercialista o CSV (o servizi Entratel o Fisconline) negli elenchi Cinque per mille 2018. Scadenza: entro il 7 maggio 2018;
– controllo dei dati inseriti nelle liste sul sito dell’Agenzia delle Entrate e eventuale rettifiche o segnalazione di errori. Scadenza: entro il 21 maggio 2018;
– invio della Dichiarazione sostitutiva di notorietà e documento di identità del Presidente con r/r o pec alla Direzione Regionale Entrate. Scadenza: entro il 2 luglio 2018.

Tratto da CSV di Verona

Informazioni:
Elena D’Alessandro – Ufficio Consulenze
consulenze@csv.verona.it – 045 8011978 int.4